I’m a full grown man

Pubblicato: 2 maggio 2010 in Attualità, Family & Friends, Pensieri
Tag:, , , ,

Non scrivo da un po’ : questo non significa che negli ultimi tempi non siano successe cose che avrei voluto raccontare. Un viaggio in Polonia, la moglie sequestrata dai Cinesi, una bellissima serata con gli amici di sempre o alcune concitate riunioni sindacali difficili da gestire. Una condensazione di eventi da mettere in scaletta, talmente pesanti in senso positivo o negativo da determinare un blocco catatonico di emozioni. Restano alcuni pending da risolvere: su tutti il fatto che Lei non è qui con me e si trova dall’altra parte del mondo con un foglietto che dice che – forse – venerdì prossimo potrà ritornare in patria.
Nel frattempo qualche lampo di genuina esaltazione  filtra fra le pieghe di una giornata lavorativa e l’altra: Mourinho che alza gli indici al cielo al Camp Nou con gli occhi puntati alla sterminata folla spagnola; Paolo Nutini che sorseggia un bicchiere di rosso e barcollando tira fuori un blues degno del Delta del Mississippi sul palco del Primo Maggio a Roma; Al Pacino-rapinatore-di-banca che strillando “Attica! Attica! Attica!” in Quel Pomeriggio di un Giorno da Cani si conquista applausi dalla folla; in un albergo di Cracovia apprendo guardando la tv satellitare che Brunetta ha mandato in pensione le raccomandate e le code agli sportelli per passare alla PEC; il cazziatone di Berlusconi a Fini che si alza dalla poltroncina dicendo “che fai mi cacci ?!”; le bandiere tricolore che stanno invadendo Bergamo e provincia e che annunciano un raduno degli alpini davvero molto fragoroso; i moscerini di Castel Liteggio e la pace infinita che regalo una qualsiasi cascina della Bassa Bergamasca; la nuova calamita che ho comprato all’aeroporto di Cracovia ed ho attaccato alla cappa; il mio nuovo casco modulare della Nolan che ho appoggiato sugli scaffali della libreria; il profumo del caffè della Nonna Lina che ho bevuto poco fa.

Ogni articolo ha una colonna sonora che mi aiuta a tirare fuori i pensieri.
Quella di oggi è Muddy Waters: Mannish Boy e la dedico a Thomas Ferrari, che è un vero uomo e un bravo papà oltre che uno dei miei migliori amici.

Now, when I was young boy,
At the age of five.
My mother said I would be,
The greatest man alive.
But, now I’m a man

Alla prossima,

Claudio

Annunci
commenti
  1. Silvia ha detto:

    Sono io…quella intrappolata in Cina da una burocrazia infinita e da poliziotti che definire fascisti e’ un eufemismo. E’ bello leggere di questi sprazzi di casa, mentre guardo il mio biglietto aereo e spero che l’Ufficio Immigrazione decida che sono idonea ad essere buttata fuori dal Paese. Il tuo prossimo post spero di commentarlo a voce…

  2. Silvia ha detto:

    …..ah….comunque….il nuovo layout mi piace molto. really like it.

  3. bikersbooks ha detto:

    Noi tutti ti aspettiamo a braccia aperte e con il cuore in trepidazione. Io in particolare, amore.
    Claudio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...